fbpx

B Borgoricco

FACOLTÀ DI MEDICINA - PROBLEMATICHE DA RISOLVERE


Ultimamente ho  partecipato ad un'audizione con il Ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, al MIUR, in qualità di responsabile del Movimento Universitario della Lega in Veneto. Ho portato al Ministro alcune proposte riguardanti il mondo universitario, ponendo particolare attenzione alle problematiche degli studenti specializzandi di Medicina: ci sono 15.000 studenti "al palo", molti dei quali costretti ad emigrare. 

La Sanità necessità di una accurata programmazione universitaria partendo dal ampliamento dei posti nelle specialistiche e alle borse di studio in quanto lo Stato, investendo sulla formazione dei futuri Medici, impiega molte risorse, per poi disperderle non avendoli a disposizione all'interno del proprio Sistema Sanitario Nazionale, provocando così, a catena, liste d'attesa sempre più lunghe e un disservizio per tutti noi utenti. Ho lasciato nelle mani del ministro anche un rapporto di ASSOMED in cui viene dimostrato in varie tabelle statistiche, il prospetto futuro dei prossimi dieci anni, evidenziando l'ingente carenza di personale che si andrà a verificare. Ho poi manifestato al ministro il mio disappunto sulle attuali rigidità nelle compilazioni dei piani di studio, collegandomi al discorso dei Crediti Formativi che vengono richiesti per proseguire gli studi alle magistrali, bloccando lo studente o costringendolo a fare i salti mortali per accedervi. Magistrali che, spesso e volentieri non formano lo studente per il mondo del lavoro, ma approfondiscono la materia ripetendo quanto fatto durante il percorso triennale. Abbiamo quindi trovato un punto di convergenza veramente significativo sul fatto di riformare tutto il sistema scolastico a partire dalle superiori, passando poi per l'università,  così da permettere ai nostri giovani di accedere prima al mondo del lavoro, così da non essere "azzoppati" rispetto ai propri competitor europei, in ottica anche della creazione di nuovi nuclei familiari. Nel piatto della discussione è stata poi messa un'importante rivalutazione dell'alternanza scuola-lavoro così da permettere allo studente di imparare, quantomeno, al termine del percorso, una vera metodologia di lavoro.

Ho posto all'attenzione del ministro anche un ultimo ma fondamentale punto: la tutela e l'accesso allo studio degli studenti disabili che spesso non riescono ad accedere alle scuole e alle università, sottolineando la necessità  di adeguare rapidamente gli edifici anche per un discorso di sicurezza riguardante tutti gli studenti, viste particolari situazioni di assenza totale di manutenzione dei locali.

 

 
Riccardo Michelazzo
giweather joomla module

Direttore responsabile:

Dario Guerra

Proprietario/Editore:

Associazione “Motori e non Solo”

Direttore generale:

Cristian Pinzon

Email: info@nowpadova.com    

Chi è online

Abbiamo 202 visitatori e nessun utente online